portale diversabilit�
Nonsoloabili.org - di Francesco Demofonti
gioved� 9 aprile 09 - 06:25
Per la pubblicità su questo sito | CANALE DEL NETWORK DA 26 MESI   

  Canali Network: Roma | Milano | Napoli | Torino | Salerno | Sicilia | Sardegna | Sport | Cinema | Spettacolo | Politica | Economia | Società | Cultura | Viaggi | Shopping | Promozioni
 
Email | nonsoloabili di Francesco Demofonti
 

Serve aiuto per una bambina

Qui di seguito riporto una lettera ricevuta dalla signora Isa: sua figlia ha un grave problema di salute. Chiunque sappia qualcosa della malattia o conosca medici che possano aiutarla si faccia avanti! �Vittoria � nata il 12 marzo 1993. Fin da i primi mesi sono cominciati i problemi perch� non riusciva ad alimentarsi a sufficienza e di conseguenza a crescere adeguatamente. Pertanto abbiamo cominciato a vagare da un pediatra all'altro sempre con la speranza di trovare la via giusta. Non venendo a capo di niente abbiamo cominciato ad indagare con vari esami sempre pi� specifici, ma nulla di particolare veniva evidenziato, cos� siamo arrivati al primo compleanno di Vittoria. Tutto sommato, a parte la crescita e le difficolt� di alimentazione, non si erano evidenziati particolari problemi: tutte le tappe psicomotorie erano state acquisite. Aveva cominciato a camminare e un giorno senza motivo � caduta e si � spezzata un dentino, poi � caduta altre volte e mi sono resa conto che c'era qualcosa che non andava, cos� abbiamo cominciato ad interpellare vari ortopedici pensando a un problema legato ai piedini. Un ortopedico, dopo averla osservata camminare, ci prospetta l�eventualit� che fosse un problema neurologico e magari enzimatico. Senza volerlo aveva centrato il problema e ci indirizz� da un neurologo che consultammo, non senza aver interpellato, per scrupolo, anche un collega ortopedico ritenuto pi� esperto, il quale ci prescrisse dei plantarini alti e corti. Dopo una settimana la bambina non camminava pi� ovviamente. Si cap� in seguito che la sua era un'atassia e i plantari rendevano pi� precario il cammino. Cos�, nonostante le spese sostenute tra visite e plantari, ci trovammo al punto di partenza. Nel frattempo anche il neurologo disse la sua: per il momento non si evidenziava nulla di particolare, pertanto dovevamo attendere una eventuale evoluzione. Non dandomi pace decisi di far fare alla bambina esperienza di psicomotricit�, pensando che in ogni caso le avrebbe fatto bene. E cos�, tra fisioterapia e psicomotricit�, tutto a pagamento, ho passato mesi con mia figlia in palestra. In estate la terapista del centro che frequentava mi diede la possibilit� di far visitare la bambina da una genetista che si impegn� di far ricoverare Vittoria a Padova per una valutazione pi� approfondita. Nel frattempo ero stata da un ennesimo pediatra che mi indirizz� presso il centro di malattie metaboliche genetiche di Bari perch� disse che a volte certi problemi sono cos� rari che non � facile individuarli se non si � particolarmente esperti. Anche al metabolismo mi dissero che la situazione andava tenuta sotto controllo in attesa di sviluppi eventuali. Nel novembre 1995 siamo andati a Padova dove siamo stati poi dimessi con una diagnosi di atassia. Da novembre a maggio Vittoria ha cominciato ad avere frequenti tonsilliti, vomito e difficolt� ad alimentarsi. Nei momenti peggiori, in cui si scompensava, ma nessuno lo sapeva, finiva in flebo in ospedale. A quei tempi ero insegnante di sostegno e un giorno, mentre la mia collega spiegava come � articolato il giornale, mi cade l'occhio su un articolo di giornale in cui si parlava del Besta di Milano in cui � stato scoperto un gene di un tipo di atassia ..da allora mi misi in testa di andare a Milano, cosa che il mese di giugno 1996 ho fatto perch� nel frattempo a Vittoria cominciava a muoversi la testa e in orizzontale e ad avere Nistagmo. Facemmo una risonanza da cui risultava una sindrome di leigh. Dopo circa un mese di ricovero e tanti esami tra cui la biopsia c'� stato il verdetto: difetto piruvico deidrogenasi. Negli anni seguenti la nostra vita � andata avanti tra controlli, ricoveri e scompensi, ma almeno sapevamo di che cosa si trattava e tutto sommato Vittoria sembrava pi� fortunata di altri bambini con la sua patologia perch� tutto sommato sembrava essersi stabilizzata la situazione. Vittoria ha cominciato a frequentare la scuola e tutto ci� che faceva le costava grande fatica ma lei VOLEVA a tutti i costi fare tutto per noi. Sono stati anni molto faticosi: lei scriveva, disegnava, giocava camminava. Dimenticavo di dire che Vittoria non ha assolutamente problemi intellettivi, ANZI!!! PERCEPISCE TUTTO, ANCHE GLI STATI D'ANIMO. Arriviamo alla quinta elementare e Vittoria progressivamente fa sempre pi� fatica a camminare, la terapista diceva che camminava per forza di volont�, fino a quando non ce l'ha fatta pi�. Per lei � stato molto difficile accettare il passeggino. L'ha accettato solo quando si � resa conto che i suoi amici le volevano comunque bene anche cos� e per convincerla le ho fatto capire che era l'unico modo per andare alla fine dell'anno in gita con gli amici a Napoli. Quella � stata la sua ultima gita di piacere. Dal 1996 siamo stati tre volte al Besta, l'ultima nel 2004 e dall'elettromiografia si � evidenziata una demielizzazione al ritorno. Sempre di pi� ha cominciato ad evidenziare l'ipertono che si � reso sempre pi� fastidioso. Inoltre dai potenziali visivi si � evidenziato un danno del nervo ottico che le ha procurato danni alla vista. A novembre 2005 faccio ricoverare Vittoria a Bari perch� l'ipertono diventava sempre pi� fastidiso e si comincia a prospettare la possibilit� di impiantare una pompa al baclofene, un miorilassante che prendendolo per bocca non le procura grandi vantaggi. Nel frattempo passiamo tutte le feste di Natale fino alla Befana in ospedale per bronchiti. A febbraio vado a Bologna perch� c'� un dottore che mi fa la valutazione respiratoria e mi prescrive vari apparecchi, che poi mi sono stati utili, che a Bari non ero riuscita a procurarmi perch� l� si parla tanto ma si conclude poco. Nel mese di luglio Vittoria comincia a peggiorare, passiamo l�estate pi� in ospedale che a casa, gradualmente non riesce pi� ad alimentarsi e deglutire, perde peso, ha crisi respiratorie e continua ad avere ab ingestis e conseguenti polmoniti. La situazione si fa davvero difficile. Poi finalmente qualcuno prende in mano la situazione e si decide di applicarle la peg, nonostante la polmonite in atto che non riusciva pi� a superare. Non so come riesce a venir fuori da questa situazione. Sembra tornare tutto a posto cominciamo a rilassarci, quando il 15 ottobre Vittoria ha di nuovo la polmonite da ab ingestis provocata questa volta dal vomito. A Bari dove siamo sempre stati ricoverati cominciano a trovare mille scuse per non accattarci con la scusa che non c�� la rianimazione, ma sta al policlinico, ci spediscono l�, ma arrivati al policlinico non ci accettano perch� dicono non conosciamo il caso e ci rispediscono al pediatrico dove troviamo libera la stanza che avevano detto essere occupata. Alle mie proteste mi sono sentita dire �Sai tua figlia � una patata bollente�. Ancora una volta superiamo il tutto e a gennaio riusciamo con grande difficolt� ad andare a Milano per impiantare la pompa al baclofene non senza grosse difficolt�. Contattato l�ospedale di Bari mi sono sentita dire che ero incosciente ad appoggiare un capriccio di mia figlia. Oltre tutto nessuno garantiva l�efficacia dell�intervento. Io ho ritenuto che mia figlia avesse il diritto di scegliere da chi farsi operare e visto che l�efficacia non era garantita l�ho ritenuto un motivo in pi� per accontentarla. Con grande fatica riesco alla fine ad organizzare il viaggio con aereo sanitario, che grazie ad una amica mi chiede una cifra accessibile, comunque 5.000 euro e le ambulanze. In tutto mi viene a costare oltre 7.000 euro. E� una grande fatica e do fondo a tutti i risparmi. Noi siamo stipendiati e mio marito operaio, ma alla fine la gioia di vedere mia figlia felice mi ripaga di tutto anche perch� finalmente riesce a stare seduta e la notte riesce a riposare di pi�. Finalmente cominciamo a rilassarci, sembra che le cose possano cominciare a migliorare. Ora devo trovare delle brave terapiste, non � facile, che vengano a domicilio e a pagamento perch� il domiciliare non � facile ottenerlo, ma il 2 marzo stiamo per andare a Bari per il controllo della pompa, il dottore di Milano la doveva visitare a Bari. Appena messa in macchina comincia a vomitare fino a quando la situazione precipita: arriva il 118, cercano di stabilizzarla, la portano a Monopoli, la intubano, non ci sono posti in rianimazione, la trasferiscono quattro giorni a Taranto, per starle vicino dormiamo in macchina, quando deve essere trasferita perch� non ha pi� bisogno della rianimazione ricomincia il balletto. Non si riesce a trovare un posto che l'accoglie. Alla fine ci accoglie la pediatria di Monopoli. Ma sono preoccupati: col mio aiuto e quello della pediatra prendono in mano la situazione, ma poi si presenta la febbre, si collassa, intervengono i rianimatori che mi prospettano la tracheostomia. Si scopre che in rianimazione, quando � stata intubata ha preso un'infezione. Non so come recupera e finalmente dopo 15 giorni usciamo dall'ospedale. Ora fa una alimentazione di quattro ore alternata a due ore di pausa con controllo residuo gastrico perch� pensano che i problemi che ha avuto sono dipesi dall�alimentazione continua e pi� abbondante. Speriamo sia cos� perch� altrimenti sono guai seri. I primi giorni sono stanca e spaventata, ma poi mi faccio coraggio. Lo devo per lei. Non possiamo permetterci di perdere la fiducia, spero di farcela. Ce la sto mettendo tutta ma � difficile. Due settimane fa Vittoria sta di nuovo male, mi spavento chiamo il 118, ma per fortuna la situazione � meno grave e riusciamo a curarla a casa, con tanta ansia. La settimana scorsa Vittoria sta di nuovo male, ogni episodio di vomito non si sa quali conseguenze pu� causare, cos� si vive alla giornata sperando che ognivolta ci vada bene. Non so nemmeno perch� ho raccontato tutto questo, forse mi � servito per ripercorrere tutto questi 14 anni, � difficile raccontare certe cose anche perch� gli altri non possono capire tutta la sofferenza e finisci per tenerti tutto dentro. Concludo con una poesia che ha scritto vittoria in 5� elementare: LA VITA: La vita � breve ma bella, come un soffio di vento, ma per me la vita � una lotta continua con il mio corpo, perch� per me la vita � una sfida. Io amo vivere perch� la vita � bella. Vorrei, per concludere, chiedere come mai in America c�� laVossigenoterapia. L�ho riscontrata in vari centri e a quanto dicono nei casi di mia figlia si ottengono miglioramenti mentre in Italia non � riconosciuta e non si effettua. Ho saputo di una bambina di Livorno per cui hanno gi� raccolto la somma per un anno e stanno raccogliendo gi� i fondi per il secondo anno. Questa novit� mi ha sconvolto ancora di pi� perch� non riesco ad accettare il fatto che questa possibilit� venga data anche a mia figlia. Perch� non si da questa possibilit� anche in Italia? L�alterniva � il nulla e aspettare la fine e per me questo pensiero sta diventando insopportabile�. 20 maggio 2007

Scrivi il tuo commento




Pagine correlate

Altre pagine di nonsoloabili su testimonianze difetto piruvico deidrogenasi atassia

Una richiesta di aiuto
�Sono alla ricerca in Italia di associazione, per i sordo muti, che vogliono lavorare con delle Associazione Tunisini ( Associazione �Asmaani� e �ATAS� per i sordo muti), per dare una mano a quest�ultimi nel loro lavoro e per scambii fra le due culture. Grazie per la vos...

Divorzio di un disabile
"Mi chiamo Francesco ho 40 anni e sono affetto da distrofia muscolare. Nel 1994 conosco una ragazza pi� piccola di me, con questa iniziamo a frequentarci e teoricamente nasce l`amore. Trascorriamo i primi sei anni in convivenza sporadica, fino a quando nel 2000 lei vuole sposarmi, avvisata di tutto ci� che saremmo andati incontro e di tutti i miei problemi, ci spo...

Poliomelite: da Milano ci scrive il signor Mario Parozzi
�Buongiorno, mi chiamo Mario Parozzi. Nato a Milano nel 1944 ho avuto la poliomielite ad un anno e mezzo. Da qualche anno � iniziato un indebolimento muscolare lento e progressivo non solo a carico degli arti inferiori (prima camminavo abb...

Ci scrive Stefano Zanini
La richiesta � allargata a tutti i lettori di Nonsoloabili. Grazie, Francesco Demofonti. �Buongiorno signor Demofonti, mi chiamo Stefano Zanini, sono il dirigente di una societ� sportiva che pratica il badminton (www.quindicizero.it...

Gran Bretagna: storia di Dan, il rugbysta che ha scelto di morire
Morire a 23 anni. Anzi, decidere di morire. E` la storia di Daniel James, un ragazzone inglese, che era stato anche nazionale juniores. Nel marzo 2007 si infortun� gravemente durante una mischia in allenamento. Il trauma fu devast...



Link utili

Link utili per approfondire il tema testimonianze difetto piruvico deidrogenasi atassia


Commenti

Scrivi la tua opinione sull'argomento
le tue opinioni saranno pubblicate nello spazio Forum


Il tuo nome

(facoltativo)

 

Pubblica il tuo banner su questo sito

Altri articoli
su argomenti simili
03/04/2009
Una richiesta di aiuto

22/02/2009
Divorzio di un disabile

17/02/2009
Poliomelite: da Milano ci scrive il signor Mario Parozzi

20/11/2008
Ci scrive Stefano Zanini

18/10/2008
Gran Bretagna: storia di Dan, il rugbysta che ha scelto di morire

 

Altre news di nonsoloabili sugli argomenti

Altre news nel network
sugli argomenti

Iscriviti alla newsletter
Network news
09/04/2009
Nuovo accordo per il prossimo contratto Comune-Gtt: pi� donne in azienda!

09/04/2009
IlClub Alpino Italiano si mobilita per aiutare l`Abruzzo

Network videonews

Tutte le videonews

Altri canali

Ambiente
Cinema
Disabilità
Musica
Scuola
Viaggiare

 



Site Map: Archivio pagine web Archivio news: 2009/04 - 2009/03 - 2009/02 - 2009/01 - 2008/12 - 2008/11 - 2008/10 - 2008/09 - 2008/08 - 2008/07 - 2008/06 - 2008/05 - 2008/04 - 2008/03 - 2008/02 - 2008/01 - 2007/12 - 2007/11 - 2007/10 - 2007/09 - 2007/08 - 2007/07 - 2007/06 - 2007/05 - 2007/04 - 2007/03 -
  portale di Francesco Demofonti (NSA) pagina pubblicata in 1 secondi
Note Legali: questo sito web è di proprietà di Francesco Demofonti a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testali e grafici pubblicati sul sito - email francescodemofonti@libero.it
Contenuti pubblicati secondo la licenza di utilizzo di Creative Commons salvo diverse indicazioni
Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.
per la pubblicità su internet



DecorCollection歐洲傢俬| 傢俬/家俬/家私| 意大利傢俬/實木傢俬| 梳化| 意大利梳化/歐洲梳化| 餐桌/餐枱/餐檯| 餐椅| 電視櫃| 衣櫃| 床架| 茶几

橫額| 貼紙| 貼紙印刷| 宣傳單張| 海報| 攤位| foamboard| 喜帖| 信封 數碼印刷

QR code scanner| inventory management system| labelling| Kiosk| warehouse management|

邮件营销| Email Marketing| 電郵推廣| edm营销| 邮件群发软件| edm| 营销软件| Mailchimp| Hubspot| Sendinblue| ActiveCampaign| SMS

Tomtop| Online shop| Online Einkaufen

地產代理/物業投資| 租辦公室/租寫字樓| 地產新聞| 甲級寫字樓/頂手| Grade A Office| Commercial Building / Office building| Hong Kong Office Rental| Rent Office| Office for lease / office leasing| Office for sale| Office relocation

香港甲級寫字樓出租

中環中心| 合和中心| 新文華中心| 力寶中心| 禮頓中心| Jardine House| Admiralty Centre| 港威大廈| One Island East| 創紀之城| 太子大廈| 怡和大廈| 康宏廣場| 萬宜大廈| 胡忠大廈| 信德中心| 北京道1號| One Kowloon| The Center| World Wide House

| 國際小學| 英國學校| International schools hong kong| 香港國際學校| Wycombe Abbey| 香港威雅學校| school day| boarding school Hong Kong| 香港威雅國際學校| Wycombe Abbey School

Addmotor Electric Bike| Electric bike shop / electric bicycle shop| Electric bike review| Electric trike| Fat tire electric bike| Best electric bike| Electric bicycle| E bike| Electric bikes for sale| Folding electric bike| Electric mountain bike| Electric tricycle| Mid drive electric bike Juiced Bikes Pedego Rad-Power