Nonsolo
abili

per contattarci | scambio link | Forum | www.nonsoloabili.org di Francesco Demofonti   
 Cerca nel sito
aggiungi ai preferiti | fai di questo sito la tua home page 

Discriminazioni di disabili a Venezia, capitolo II

Ci scrivono da Venezia per segnalarci questo caso. "L'accoglienza? Non sta di casa a Venezia. Mentre il sindaco promette case ai rifugiati e ai perseguitati, la sua amministrazione dichiara di non averne e di non considerare caso sociale una coppia di disabili al 100%. Ma i conti non tornano. Il sindaco di Venezia, Massimo Cacciari, ha rilasciato il 25 agosto la seguente dichiarazione: "Aderisco con totale ferma convinzione alla campagna internazionale per la salvezza di Pegah Emambakhsh, la donna iraniana lesbica - e per questo motivo condannata nel suo Paese alla crudele morte per lapidazione - cui il Governo inglese ha negato asilo e che rischia nei prossimi giorni l'espulsione e la consegna all'Iran e alla morte. Nella tradizione di citt� rifugio per i perseguitati, gi� onorata in un recente passato, la citt� di Venezia � pronta a ospitare la donna iraniana, almeno per un primo periodo di accoglienza: l'Amministrazione comunale da me guidata, in collaborazione con gli altri organismi impegnati per salvare Pegah Emambakhsh, mette fin d'ora a disposizione della donna l'ospitalit� in una struttura protetta, in una delle case sottratte al patrimonio della Mala del Brenta. Sono certo, in questo mio appello e in questa mia proposta, di interpretare il comune sentire della citt� intera e della sua tradizione di civilt�". Oggi, 11 settembre 2007, nell'udienza dei coniugi Tommasini (coppia di disabili al 100% con problemi abitativi), il comune di Venezia si � presentato con ben quattro legali ed una comparsa di costituzione di alcune paginette in cui - smentendo quanto pi� volte dichiarato alla stampa sia dal Sindaco Massimo Cacciari che dagli uffici competenti sulla reale disponibilit� di alloggi. Cito dalla Nuova Venezia del 29 marzo 2007 ("Il tetto andr� solo ai primi 200"): Anche in quell'occasione (bando ERP 2001, ndr), su circa 1700 richieste di alloggio a canone calmierato, solo duecento hanno ottenuto soddisfazione. Una cifra confermata da Michele Zanella dell'Osservatorio Casa del Comune. "Una graduatoria termina di essere valida in due tre anni - spiega. In questo periodo, � quello il numero di alloggi che si riescono ad assegnare. Circa duecento. O non molti di pi�. Dunque, in pochi potranno godere dell'effetto bando, che segue a quattro anni di distanza di quello aperto nel 2001 e operativo solo dal 2003. In realt� i primi duecento hanno buona probabilit� di entrare in una casa ERP nel giro di due anni. Oltre quella posizione, nessuna speranza. Tranne che per i casi pi� urgenti: sfratti o emergenze sociali". Oggi invece il Comune attua una classica "inversione ad u". Nella comparsa di costituzione il comune dichiara che "attualmente la graduatoria � stata utilizzata per 5 posizioni e che non � detto, infatti, stante l'esiguit� del patrimonio ERP, che si raggiunga con le assegnazioni la posizione 158 (posizione in graduatoria dei due coniugi, ndr). Gi� questo dovrebbe far porre ai veneziani la seguente domanda: che senso aveva quindi l'apertura di un nuovo bando se non vi sono alloggi da assegnare? Va inoltre segnalato che, nella documentazione di cui sopra, il Comune di Venezia non riconosce ai due coniugi disabili lo status di emergenza sociale "in quanto attualmente sono sostenuti ed ospitati dai propri familiari e non sono totalmente privi di reddito", trascurando completamente il problema di prigionia nell'alloggio in cui vivono. Il Comune inoltre non ha neppure considerato la possibilit� di assegnazione di alloggi temporanei dichiarando che non pu� trovare applicazione nel caso in specie dove la permanenza potrebbe protrarsi per anni, ribadendo quindi la mancata disponibilit� di alloggi. E come ultima offerta, l'ente ha proposto un contributo all'affitto (sic!) di 250 euro mensili, ben sapendo che - grazie anche alla mole di nuove autorizzazioni di affittacamere, al business degli affitti agli studenti universitari e chi pi� ne ha pi� ne metta �"un appartamento abitabile" (ovvero di circa 50 mq senza rischio di alte maree) ed attrezzato per persone con disabilit� introvabile a condizioni economiche sostenibili da parte di due disabili il cui reddito annuale non supera di molto una mensilit� di un dirigente pubblico. Per tale motivo e ripensando alla dichiarazione del signor Michele Zanella, ho voluto effettuare un raffronto tra quanto dichiarato e quanto pubblicato nei bandi ERP del 2001 e del 2005. Nel bando 2005 figurano 82 nominativi "depennati" in quanto "esclusi per assegnazione alloggio". Sono andato quindi ad estrarre tali nominativi e a confrontarli con quelli presenti nell'elenco ERP del 2001: su 82, vi sono 5 nominativi presenti e rientranti nei primi 200, poi vi sono 40 nominativi presenti nelle posizioni oltre la duecentesima - con casi estremi oltre la posizione 700 - di cui in particolare un caso posizionato oltre il 1800mo posto e con zero punti in graduatoria. Vi sono poi ben 37 nominativi non presenti nella graduatoria. Ci� che mi chiedo � quindi: vi sono 77 (settantasette, non bruscolini) assegnazioni effettuate nel periodo 2003-2006 che - contro le 5 assegnazioni effettuate nel corso di sei mesi dall'approvazione del nuovo bando, un numero a mio avviso accessivo: presumibilmente potrebbero essere i classici "sfratti" che - come gi� dichiarato dal Comune - di fatto hanno una precedenza come problema "sociale". A questo punto sembra del tutto chiaro che la "citt� dell'accoglienza" preferisce comparire nella stampa italiana ed estera come citt� "casa di tutti", mentre si dimostra chiaramente che non � una citt� nemmeno in grado di accogliere i propri cittadini facenti parte di categorie deboli e svantaggiate: non ci si aspetta da nessuna istituzione la chiusura della porta in faccia con il classico "arrangiatevi" ma qui sembra essere usanza sia fisica (gi� riportato agli atti di causa, ove gli uffici emergenze sociali non aprivano nemmeno la porta) sia legale (in sintesi, la risposta dell'ente comune �: arrangiatevi)...e senza contare che tale situazione ha causato un danno lavorativo alla figlia, che ora dovr� pure giustificare all'amministrazione finanziaria dello Stato le motivazioni per cui non intende adeguarsi agli studi di settore pagando 20 mila euro in quanto - secondo i beneamati parametri ministeriali - tale soglia � considerata la minima reddituale per la tipologia di azienda. Comunque qualcosa si � ottenuto: gli avvocati hanno candidamente detto che la mancata risposta del comune alle nostre richieste di aiuto � normale: se loro non lo considerano un caso sociale, perch� dovevano risponderci? Questa � Venezia, la "citt� dell'accoglienza". 11 settembre 2007

Francesco Demofonti

scrivi all'autore dell'articolo
francescodemofonti@libero.it


Scrivi la tua opinione sull'argomento


Il tuo nome

(facoltativo)





Voci correlate

 

Altre news
sugli argomenti









 
 

Audience Record
13.943 lettori unici giornalieri nel network
il 17/9/2007

Ultima news

20/09/2007
Atene: domani al via gli Europei di Calcio a 5 B1

Prende il via domani e si conclude il prossimo 1 ottobre, ad Atene, il Campionato Europeo di Calcio a 5 di categoria B1. Alla manifestazione in terra ellenica prenderanno parte sette Nazionali, impegnate nella conquista del titolo europeo 2007. Presenti Italia, Grecia, Spagna, Turchia, Germania, Francia e Inghilterra. Le prime due classi...(continua)

Archivio news
200709
200708
200707
200706
200705
200704
200703



News Social Network

News Venezia

News disabili

News testimonianze

 

 

Altri canali

Ambiente
Cinema
Disabilità
Musica
Scuola
Viaggiare


 

 


Focus Okpedia
Contenuti pubblicati secondo la licenza di utilizzo di Creative Commons salvo diverse indicazioni.
 

DecorCollection歐洲傢俬| 傢俬/家俬/家私| 意大利傢俬/實木傢俬| 梳化| 意大利梳化/歐洲梳化| 餐桌/餐枱/餐檯| 餐椅| 電視櫃| 衣櫃| 床架| 茶几

橫額| 貼紙| 貼紙印刷| 宣傳單張| 海報| 攤位| foamboard| 喜帖| 信封 數碼印刷

QR code scanner| inventory management system| labelling| Kiosk| warehouse management|

邮件营销| Email Marketing| 電郵推廣| edm营销| 邮件群发软件| edm| 营销软件| Mailchimp| Hubspot| Sendinblue| ActiveCampaign| SMS

Tomtop| Online shop| Online Einkaufen

地產代理/物業投資| 租辦公室/租寫字樓| 地產新聞| 甲級寫字樓/頂手| Grade A Office| Commercial Building / Office building| Hong Kong Office Rental| Rent Office| Office for lease / office leasing| Office for sale| Office relocation

香港甲級寫字樓出租

中環中心| 合和中心| 新文華中心| 力寶中心| 禮頓中心| Jardine House| Admiralty Centre| 港威大廈| One Island East| 創紀之城| 太子大廈| 怡和大廈| 康宏廣場| 萬宜大廈| 胡忠大廈| 信德中心| 北京道1號| One Kowloon| The Center| World Wide House

| 國際小學| 英國學校| International schools hong kong| 香港國際學校| Wycombe Abbey| 香港威雅學校| school day| boarding school Hong Kong| 香港威雅國際學校| Wycombe Abbey School

Addmotor Electric Bike| Electric bike shop / electric bicycle shop| Electric bike review| Electric trike| Fat tire electric bike| Best electric bike| Electric bicycle| E bike| Electric bikes for sale| Folding electric bike| Electric mountain bike| Electric tricycle| Mid drive electric bike Juiced Bikes Pedego Rad-Power